Underdogs intervista in esclusiva alla band scopriamo chi sono

Diamo il benvenuto a Underdogs su musicisti emergenti. Ecco come è la formazione della band:
Mario – Cantante, Strumenti Vari
Alessandro – Chitarrista
Angelo – Bassista
Simone – Batterista

Ecco una breve biografia:

Iniziamo subito con le domande.

Parlateci un pò di voi. Quando avete iniziato a fare musica?

Ognuno di noi viene da percorsi musicali molto differenti… so che è la classica risposta del 90% dei gruppi, ma per noi è particolarmente vero: Simone (batterista) e io (Angelo, bassita) suoniamo insieme dal 2012. Eravamo parte di un gruppo Metal che non è mai decollato. Poi ci siamo ritrovati in una band Blues che poi è diventato Rock e che poi è morta. E ci siamo ritrovati insieme in questa esperienza nella quale buttiamo ogni influenza possibile. Entrambi siamo fan degli Iron Maiden e entrambi proveniamo (e io suono ancora) dal metal estremo…ma non solo. Simone è un gran batterista, e lo sa benissimo, riesce a fare esattamente la ritmica che avevi in mente quando hai scritto il pezzo, senza consigli e senza prove.Tu gli fai sentire il pezzo nuovo, e lui è già li che lo suona…esattamente come era nella tua testa.
Mario (il cantante) comincia a suonare chitarra e piano in tenera età, ma si appassiona a qualsiasi strumento gli passi per le mani, interessandosi anche alla costruzione di alcuni di essi. In età liceale comincia a sviluppare le sue doti canore e a definire il suo stile vocale. Canta e suona in molti gruppi di miolti generi fino alla decisione di fondare gli Y or J, il prototipo di quello che siamo oggi.
Alessandro (il chitarrista) comincia a suonare a 8 anni la chitarra per emulare il padre. Contemporaneamente si appassiona al Rock n’ roll e al Blues. Prosegue i suoi studi musicali a Verona e infine giunge a Torino dove viene contattato per far parte degli Underdogs, rimasti senza chitarrista da poco.
Quando abbiamo contatto Ale eravamo orfani di chitarrista e tastierista, avevamo un repertorio di 14 o 15 pezzi inediti e tanta voglia di suonare in giro e fare un po’ di casino.
Il bello di Ale è che ha una cultura musicale e strumentale incredibile e riesce a creare riff e melodie di ogni genere… basta nominare un gruppo e lui tira fuori un riff incredibile in quello stile…e così nascono le nostre canzoni: “Ale suona un giro stile Megadeth e fallo più Grunge…” ed ecco che nasce il pezzo che noi chiamiamo “Solo”.
Mario è altrettanto incredibile, un vulcano di idee, è capace di essere molto profondo e contemporaneamente semplice e sorridente…inoltre, dategli qualsiasi strumento in mano e lui tirerà fuori una melodia o un riff da cui trarre ispirazione.
Nasciamo dalle ceneri di un gruppo già esistente… ma quello che ne è nato è tutto un altro progetto e di gran lunga più completo e energico.

Quali argomenti trattate nei vostri testi?

I nostri testi non hanno delle tematiche specifiche. Possono essere seri e riflessivi come il testo di Flow che racconta di come il flusso creativo possa trasportarci fino in punti inaspettati della mente, o toccare argomenti leggeri come Waitres, che sostanzialmente parla di una ragazza disinibita che fa la cameriera. Alcuni trattano della santissima trinità “Sesso Droga e Rock n’ Roll”… non abbiamo delle tematiche predilette, ma molte esperienze da raccontare o cose di cui valga la pena di parlare e scrivere.

Quando è nata la band?

La formazione originale nasce ad Aprile 2015 da un’idea di due cugini, Mario e Alberto, molto diversi ma Uniti dalla passione per il rock. Circa a Settembre del 2016, il nostro ex-chitarrista e ex-tastierista ci annunciano che avevano intenzione di lasciare il gruppo… una notizia inaspettata che ci ha lasciato senza parole. Ma da li Io (Angelo), Simone e Mario ci siamo resi conto che era il momento giusto per ripartire alla grande, con persone volenterose e con i nostri medesimi obiettivi. Così a Ottobre abbiamo trovato Alessandro… gli Underdogs (ri)nascono in quel momento.

Raccontateci il ricordo più bello della vostra carriera

Diciamo che praticamente ogni concerto entra a far parte della sezione “ricordi positivi”… che ci sia tanta gente sotto il palco o che ci siano 3 persone non fa molta differenza per noi…
Noi siamo li, sul palco, e questo è quello che conta: che la nostra musica arrivi alle orecchie di qualcuno che la possa apprezzare…e fortunatamente accade sempre più spesso.

Che rapporto avete con i social network? Come possono rimanere in contatto i vostri fan con voi?

Beh diciamo che, ora come ora, la quasi totalità dei nostri fan ha il nostro numero di telefono essendo amici e parenti XD
Scherzi a parte, cerchiamo di essere molto attivi su Facebook e Instagram, rendendo partecipe chi ci segue di ogni novità o decisione presa. Tutti i nostri live sono annunciati sulle pagine e inviamo una discreta quantità di fastidiosi inviti.
Rispondiamo a tutti quelli che spendono tempo per scriverci sulla pagina o sui nostri profili personali, nel più breve tempo possibile. A volte trovare il tempo per pubblicare e rispondere è difficile, ma fa parte del gioco ormai.

Progetti per il futuro?

All’inizio non era nostra intenzione registrare pezzi o demo o addirittura un CD…troppi costi e troppe preoccupazioni. Volevamo solamente girare per locali, suonare la nostra musica e fare i pirla sul palco per un po’, poi scendere e farsi qualche birretta tra amici. Questi erano i nostri progetti.
Ma ci stiamo rendendo conto che, oggigiorno, registrare i nostri pezzi e produrre qualcosa di fisico come CD e magliette è essenziale. La maggior parte dei locali chiede delle demo e delle pubblicazioni per poterti mettere in programmazione, vanno a verificare il numero di Like sulla pagina per sapere “quante persone portiamo”.
E ora i nostri progetti sono questi…stiamo cominciando a registrare i nostri pezzi e cogliamo l’occasione per rivederli e modificarli ove necessario.
Insomma stiamo crescendo.

Ecco come contattare Underdogs
Facebook: https://www.facebook.com/UnderdogsGrunge/
Instagram: https://www.instagram.com/underdogsband/

Ringraziamo Underdogs per l’intervista.

Guarda la classifica dei Musicisti Emergenti

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here