“Carne” è il nuovo EP della band alternative I Fiori di Mandy

Dopo un’anteprima streaming in esclusiva su RockON, esce il secondo EP ufficiale de I Fiori di Mandy, “Carne”.

«Il titolo “Carne” è inoltre dedicato al quadro utilizzato per la copertina del disco, opera di Tonino Mattu, pittore oristanese che ha deciso di prestarci questa sua bellissima creatura. Nel quadro è rappresentato il viso di un soldato tedesco della seconda guerra mondiale, immobile, fermo più che mai, inumano, quasi… poi del sangue che fuoriesce dall’orecchio, immagine forte che crea paradosso e restituisce “vita” e “carne” al personaggio. Siamo davvero orgogliosi della collaborazione con Tonino, persona e artista per cui nutriamo profonda stima».

Scritto fra il 2016 e il 2017, “Carne” segue l’uscita di “Radici” (del 2017), come fosse la seconda parte di un racconto iniziato dalla nascita della band ad oggi.

«“Carne” è un lavoro viscerale per noi, dove abbiamo riversato ogni parte del nostro essere. I brani che compongono “Carne” sono stati scritti tra il 2016 e il 2017, durante il primo anno di esistenza del gruppo. Sono nati uno dopo l’altro in maniera naturale e molto istintiva e poi levigati e ripensati al meglio durante i live fatti durante quell’anno e mezzo. L’unico brano nato in maniera differente è stato “Quelli di ieri”, scritta dopo la morte di un amico: sia le musiche che i testi sono espressione di ciò che siamo umanamente e sensibilmente. Uno sfogo più che personale».

I brani de I Fiori di Mandy si contraddistinguono per la loro visceralità e ruvidezza, sia sul piano prettamente musicale che su quello testuale.

«I nostri testi sono sfoghi. È materia sensibile. Pezzi di noi. Ciò che abbiamo visto in questi anni, la vita come ci si è presentata e le sue turbe, la morte dentro e fuori di essa. L’amore, l’amicizia, le delusioni e le paure. Le madri i padri e i loro figli. Non sentirsi adatti mai al ruolo che si ha. La solitudine. E tanto altro. Esprimere tutto quello che si ha dentro per bisogno estremo».

Registrato da Christian Mandas e Mattia Cuccu presso gli studi nel garage di Cuccu, a Sinnai (CA), “Carne” è un EP di alternative rock sputato in faccia con veemenza, registrato in presa diretta senza metronomo per restituire al pubblico l’attitudine live della band.

«“Carne” è stato registrato a Sinnai, nello studio costruito nel garage di una casa da Christian Mandas e Mattia Cuccu. Ci abbiamo impiegato circa dieci giorni, durante le vacanze di Natale dello scorso anno. Christian ha avuto un ruolo fondamentale nella nascita di “Carne”: ha capito e saputo interpretare benissimo quelle che erano le nostre esigenze, a partire dal voler registrare in assenza di metronomo, cosa che ha parecchio complicato il suo lavoro in fase di mixaggio. È per noi fondamentale cercare di avere una resa in studio che sia il più naturale e vera possibile, come se stessimo suonando dal vivo, e lui è riuscito a farci registrare praticamente in presa diretta con una resa ottima, viste anche le dimensioni dello studio».

L’album è stato preceduto dall’uscita del singolo/videoclip “Invadere”.

«Il video di “Invadere” è puro istinto e sperimentazione: Simone Cireddu (il regista del video) ha messo un bimbo in una stanza riprendendo il modo in cui avrebbe reagito alla canzone, in maniera naturale e senza forzature. È stato un esperimento dall’inizio alla fine».

 

BIOGRAFIA

I Fiori di Mandy sono una formazione alternative rock originaria di Oristano formata da Edoardo Mantega (voce e chitarra), Luigi Frau (basso) e Raffaele Mura (batteria).

Nati nel 2016 dall’incontro di Luigi e Edoardo (già insieme in altre formazioni) con Raffaele, il trio inizia da subito a comporre brani inediti.

Intanto, all’attività in studio affiancano quella live, fra cui ricordiamo la partecipazione al festival Rockas 2016, la presentazione live di “Radici” al Fabrik di Cagliari e la vittoria al contest “Rock in contea”.

Dopo un solo mese di prove il trio dà vita all’EP d’esordio “Radici” (registrato al Sinis Wave Studio di Andrea Cutri e mixato da Cristian Mandas).

L’EP (composto da 3 brani, “Afrodite”, “Jourande” e l’omonima “Radici”, di cui vengono realizzati per tutti dei videoclip) riceve ottimi pareri dalle riviste di settore fra cui RockGarage, IndiePerCui e Micsugliando.

DICONO DI LORO

«La compattezza, il nervosismo controllato, le timbriche ostiche e minacciose e il canto tragico è il vero segno distintivo della musica del trio»
Micsugliando

«I Fiori Di Mandy dimostrano di voler scrivere prima che suonare, sentire prima che pensare. Iniziano a modo loro, con arpeggi lenti, per poi lasciare spazio ad ampie sferzate o a incursioni fuori genere e stupire l’ascoltatore. Ottima la ricercatezza compositiva»
RockGarage

«Canzoni che sanno di rivalsa e portano con sé il sapore delle cose migliori, da custodire, ma nel contempo da far esplodere in tutta la loro vera essenza»
IndiePerCui

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here