LE CAPRE A SONAGLI tornano con CAPRA PELADA la reinterpretazione del brano del Quartetto Cetra. Live l’8 aprile a Trezzo sull’Adda (MI), ospiti dei Punkreas

Doppio ritorno per Le Capre a Sonagli: in digitale, con il brano CAPRA PELADA, la loro personale reinterpretazione del celebre brano del Quartetto Certa, disponibile da oggi solo ed esclusivamente sul loro sito, e dal vivo, l’8 aprile, ospiti del Live di Trezzo dei Punkreas.

Link a Capra Pelada: https://www.lecapreasonagli.it/caprapelada/

Originaria di Bergamo, la band ha da sempre esplorato i territori stoner folk, senza rinunciare a sporcarsi le mani con la psichedelia, i ritmi tribali e tutto ciò che significa punk, tra groove ermetici e derive rock schizofreniche. Dopo una lunga carriera, fatta di dischi e tour, ha deciso di sperimentarsi con un brano della tradizione italiana, “Crapa pelada”, conosciuta dai più grazie alla versione dei Quartetto Cetra e riportata recentemente all’attenzione del grande pubblico dalla serie Breaking Bad. 

Il brano è un piccolo dono in occasione del loro ritorno sui palchi: l’8 aprile, infatti, saranno ospiti dei Punkreas, al LIVE MUSIC CLUB di Trezzo sull’Adda (MI).

Non useremo metafore belliche!
Non torneremo in prima linea sul fronte del palco!
Il brano non sarà una bomba atomica!
Semplicemente, vogliamo rivedervi tutti.

In questi anni, giorni ed ore, dove le emergenze si susseguono, dove la tensione sociale è palpabile, noi vogliamo toccarvi, assaporare la presenza amica del pubblico, degli addetti ai lavori e della musica partecipata. L’occasione ce la regalano gli amici Punkreas ed il mitico Live di Trezzo l’8 aprile. Noi l’occasione la cogliamo con un piccolo regalo, Capra Pelada una canzone gioco con cui ci siamo dilettati.

Capra Pelada è la reinterpretazione caprina del famoso brano Crapa Pelada del Quartetto Cetra. Una canzone gioco con cui ci siamo dilettati con sperimentazioni sonore a briglie sciolte a 360° con l’intento di dare un sapore che “sa di capra” ad un brano non composto da noi. L’idea è venuta mentre stavamo guardando Breaking Bad: il brano viene cantato da Gale (il chimico assoldato da Gus Fring) in una puntata della terza stagione. Si potrà trovare solo ed esclusivamente sul nostro sito internet. Non sarà disponibile su Spotify e in nessun altro store.

LE CAPRE A SONAGLI | BIOGRAFIA

La storia de Le Capre a Sonagli comincia nel 2000 quando, con il nome di Mercuryo Cromo, la band bergamasca si fa notare dividendo il palco con Afterhours, Sick Tamburo, Cisco, Zen Circus, Giorgio Canali e molti altri. Nel 2005 i Mercuryo Cromo pubblicano il disco di debutto -“Nuovi Colori”- a cui seguono “Mercuryo Promo” (2008) e “Tormenta” (2009).

Nell’estate 2010 il gruppo comincia la stesura di brani inediti, affrancandosi dalle vecchie sonorità per andare verso una maggiore sperimentazione a livello compositivo. Questo processo si concluderà con la definizione di una nuova identità: quella de Le Capre a Sonagli. Il progetto vede la luce ufficialmente il 1° aprile 2011 con la presentazione dell’ep omonimo: questo lavoro, interamente autoprodotto, porterà Le Capre ad esibirsi in apertura alla data bergamasca degli Asian Dub Foundation.

Nell’ottobre 2012, Le Capre a Sonagli pubblicano il loro primo full lenght, che suscita immediatamente l’interesse dei media. Esclusiva streaming integrale sul sito de La Repubblica XL, album del giorno su RockIt, recensioni entusiastiche, passaggi radiofonici importanti: “SADICAPRA” (registrato tra la Bat-saletta della band e l’Omicron Studio di Francesco Invernici) si preannuncia essere un disco fortunato.

Ne seguono importanti conferme: ad aprile 2013 Le Capre vincono la finale lombarda di Arezzo Wave (suoneranno sul palco del prestigioso festival il successivo 22 giugno); ad ottobre dello stesso anno “SAdiCAPRA” viene nominato per la categoria “miglior autoproduzione” al premio PIMI (premio italiano musica indipendente).

Nel corso dell’estate del 2014 Le Capre a Sonagli, dopo circa 80 date (tra cui il Carroponte con i 99Posse), tornano in studio per lavorare su nuovi brani. A Marzo 2015 vede la luce “IL FAUNO”: un disco evocativo e sporco, tra blues incatramati e lo-fi; concept album che evoca sogni lisergici e narrazioni freak, miscelando un condensato eclettico di personaggi e luoghi scordati.

Anche in quest’avventura, il pubblico e la critica sono dalla parte delle Capre: se “IL FAUNO” finisce in esclusiva streaming integrale su La Repubblica XL e i video “Piccolo di Joe Koala” e “La suite del demonietto” vanno a RockIt, i concerti del quartetto bergamasco diventano sempre più numerosi (30 date nei primi tre mesi, tra cui MI AMI 2015 e l’opening act per i Verdena allo Sherwood Festival).

Da settembre 2015 la band entra a far parte del roster di Antenna Music Factory: ne deriva un corposo tour in cui i nostri affiancano i migliori artisti della scena italiana (Calibro35, Marta sui Tubi, Motta, Selton… fino al culmine, a RestaInFesta 2016, con il live a chiusura del concerto di Giovanni Lindo Ferretti).

Le Capre ripartono da qui: si chiudono in studio e cominciano a stendere nuovi brani. Questa volta, chiave del progetto sono le ritmiche tribali e ancestrali. La band decide di mettersi alla prova su strade compositive inedite, arricchendo lo scheletro ritmico con chitarre sporche, psichedelia, fuzz e suoni ricavati da catene, piatti rotti, seghe circolari.

A luglio 2016 la band incrocia sul suo cammino Tommaso Colliva (Muse, Franz Ferdinand, Damon Albarn, Calibro35, Afterhours, Ministri), che si dimostra interessato a lavorare alla produzione artistica del nuovo disco. Al suo fianco, Le Capre effettuano un corposo lavoro di preparazione: 3 mesi di ricerca per ridefinire totalmente il loro modo di utilizzare la voce (non più solo uno strumento per costrutti musicali ma un vero e proprio mezzo per comunicare, attraverso i testi, le situazioni bizzarre che contraddistinguono l’immaginario della band).

A fine novembre, le Capre entrano all’ ISHTAR di Milano con Tommaso Colliva e Marco Olivi e in meno di un mese registrano 9 tracce, poi mixate a Londra nel TOOMILAB da Tommaso Colliva e masterizzate alla Maestà da Giovanni Versari.

A gennaio 2017 Le Capre a Sonagli entrano a far parte di Woodworm, la più importante etichetta discografica indipendente italiana.

CANNIBALE“, uscito il 10 marzo 2017 (Woodworm/Audioglobe), è un lavoro stoner folk nel quale storie e tematiche differenti vengono collegate dallo sguardo obliquo che, ormai, è la cifra distintiva del gruppo: se la Morte viene trattata in maniera grottesca e non spaventevole, la Sfiga è una nonna che porta iella; un sacrificio umano diventa la scelta personale di una donna che si immola per la sua divinità; Icaro un folle a cui il Padre raccomanda di stare attento a non scottarsi.

Dopo due anni di tour, a marzo 2019 danno alla luce GARAGARA YAGI, uscito l’8 marzo sempre per Woodworm Label: 8 tracce prodotte da Tommaso Colliva, un mix impavido con batterie in faccia e pantoni sonori ricercati, il sogno di un incontro tra Gorillaz e CCCP in un live dei QOTSA.

Le Capre a Sonagli sono dure, sfacciate, malate e divertenti, il tutto racchiuso in una sola parola: necronaif, un’ossessione per l’estetica della morte che tutto ferma e trasforma.

Management – Andrea Cegna – andrea.cegna@inventati.org

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here