“Estinzione 666” è il disco d’esordio di Guido Brualdi- Il racconto a fumetti di un’apocalisse molto vicina

estinzione 666

ESTINZIONE 666, il disco d’esordio del cantautore e fumettista pesarese Guido Brualdi è, niente di meno che, un disco sulla fine dell’umanità.

Un titolo esagerato e catastrofico nasconde una manciata di canzoni intime e viscerali ispirate da una sincera preoccupazione per lo stato ambientale del nostro pianeta.

Questa spirale autodistruttiva universale, e forse inarrestabile, si commistiona con le preoccupazioni e le insicurezze personali di un ventenne qualunque, amplificandole e rendendole a tratti insostenibili. Una documentazione di un periodo buio nella vita dell’autore che con questo disco esorcizza e sfoga le sue paure.

La voce versatile di Guido, da potenti e puliti acuti stride e muta dentro a reverberi claustrofobici, la chitarra acustica entra in loop vertiginosi e spesso viene distorta senza remore, in un Alt Folk semielettrico che ricorda la libertà di grandi narratori americani come Phil Elverum (Mount Eerie, The Microphones) e Jason Molina (Songs: Ohia).

L’autore ha scritto e registrato il disco non molto diversamente da come avrebbe scritto e disegnato una storia a fumetti, artigianalmente, cercando di essere il più sincero possibile nella stesura dei testi e delle melodie, registrando in autonomia: soltanto con un microfono, un Mac e una chitarra.

Il disco esce accompagnato da una breve storia a fumetti omonima (16 pagine) in cui si racconta la genesi del disco. L’albo spillato stampato in un edizione limitata di 100 copie e acquistabile qui diventa così la copia fisica del disco, in un cortocircuito artistico in cui le due opere si completano vicendevolmente.

 

Guido Brualdi è un musicista, fumettista e illustratore pesarese e probabilmente ci nasconde qualcosa. Per avere 23 anni ascolta musica strana e si veste parecchio fuori moda, si descrive timido ed introverso ma non perde mai l’occasione per salire su un palco o per raccontare della sua vita nei propri fumetti.

Come musicista ha composto due EP a nome Lucy Anne Comb e un terzo come Guido Brualdi/Lucy Anne, e forse non è un caso che i suoi primi fumetti (pubblicati per Incubo Alla Balena) si chiamino Luciana e Prima di Luciana. Questo nome femminile che muta e si traduce è il nome che Guido ha associato a un periodo della sua adolescenza e agli amori che questo contiene. Per semplificarsi la vita il suo primo disco esce ora semplicemente con il suo nome.

Come fumettista e illustratore ha collaborato con Roche Italia, Lök Zine e alle prime autoproduzioni è seguito Mememen (sempre Incubo alla Balena) e Via di Qui, pubblicato da MalEdIzioni.

Storia discografica: Con il nome di Lucy Anne Comb: Yourselfie EP (Coward Records, 2016) e Letting you go (autoprod, 2017). Come Guido Brualdi/ Lucy Anne: Luciana (autoprodotto, 2018) Influenze: Mount Eerie ( Phil Elverum), Vic Chesnutt, Father John Misty, Bonnie Prince Billy, Crywank, Verdena, Daniel Johnston, Marta sui Tubi, Maria Antonietta
Credits: Registrato e mixato tra dicembre 2019 e gennaio 2020 tra Pesaro e le colline al confine tra Marche e Romagna. Masterizzato al Vdss Recording Studio a Ceprano(FR) da Filippo Strang.

 

Ascolta il disco: http://hyperurl.co/est666

Leggi il fumetto che accompagna il disco: http://bit.ly/FumettoEstinzione666

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here