Anteprima dell’intervista a Claire Audrin, scopriamo chi è

Chiara Rigoli, in arte Claire Audrin, è una giovane cantautrice romana ma con l’anima “British”, con una grande esperienza alle spalle da musicista, autrice e videomaker.

Parlaci un po’ di te. Come ti sei avvicinata alla musica?

Ho sempre avuto la passione per la musica da quando ero piccola. I miei genitori mi regalarono una tastierina all’età di 6 anni e io mi divertivo a suonare le canzoni che conoscevo ad orecchio. Alle medie ho frequentato una sezione musicale dove ho imparato a suonare il pianoforte e agli inizi del liceo ho iniziato a suonare la chitarra da autodidatta. Il canto è sempre stata la mia passione principale, mentre lo strumento lo utilizzo come accompagnamento e per scrivere brani originali.

Quando è diventata necessaria la musica nella tua vita?

È sempre stata importante, ma è diventata necessaria quando ho scritto i miei primi brani: all’età di 14 anni scrissi una canzone d’amore per un ragazzo e fu una rivelazione poter mettere tutte le mie sensazioni in una canzone e potermi esprimere liberamente e sinceramente.

Come inizia il tuo processo creativo?

Dipende… a volte scrivo chitarra e voce o pianoforte e voce e altre volte parto da una ritmica e qualche nota di basso o pad. Da quando ho imparato ad usare Logic mi diverto a sperimentare e non utilizzare solo il metodo classico dello strumento reale, perché mi aiuta a spaziare più generi e differenziare un po’ i miei brani tra loro. Sicuramente però i brani migliori affrontano temi autobiografici di momenti critici e sono quelli che scrivo di getto con solo uno strumento a portata di mano.

Hai avuto crisi o dubbi durante il tuo percorso artistico? Raccontaci come hai superato i momenti difficili…

Il mondo della musica è un mondo difficile, pieno di competizione purtroppo, e bisogna avere molta fortuna, quasi più della bravura. Quindi i momenti di crisi sono tantissimi e li vivo quotidianamente… Li supero quando suono su un palco e mi torna la voglia di fare, scrivere, collaborare con musicisti e vivere la musica per quello che è: qualcosa di puro che viene dal cuore, senza regole, ne contest, vincitori o perdenti.

Che musica ti facevano ascoltare da bambino?

Ricordo i lunghi viaggi in macchina con i miei genitori quando andavamo in vacanza. C’erano ancora le cassette. Ascoltavo paradossalmente molta più musica italiana: Fabrizio De Andrè, Renato Zero, Edoardo Bennato, Nek, 883, Giorgia, Loredana Bertè. Per quanto riguarda la musica inglese ricordo che mio padre era molto fan dei Genesis.

Leggi la seconda parte 

 

 

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here