Leave The Memories, on air il nuovo singolo

 

Leave The Memories è un gruppo acustico Pop-Rock melodico le cui sonorità sono contaminate da differenti stili musicali. Sono un trio che amalgama tre forti personalità: l’espressività di Mirco, la sensibilità di Luca e la creatività di Thomas.
La Band nasce nel 2014 e in breve tempo cattura l’attenzione del pubblico che, da subito, gli riserva un’accoglienza degna dei gruppi già affermati.
Nel corso del 2016 si esibiscono in alcuni centri commerciali del Veneto e della Lombardia durante gli In-Store di artisti quali Alessio Bernabei e Lorenzo Fragola, riuscendo a coinvolgere un folto pubblico. Dal 16 giugno 2017 è in rotazione radiofonica il loro nuovo singolo No more bad days e aprono il concerto a Verona dei Soul System.
Terminata l’attività live estiva, si la band tornerà in studio per la scrittura del loro album di debutto “Follow the stars”

Ma scopriamo meglio chi sono i Leave The Memories.

Come nasce l’idea del video di No more bad days?

No More Bad Days parla della fine di una storia d’amore oppressiva e del desiderio di lasciarsi tutto alle spalle per tornare a vivere felici, ed è stata scritta in un periodo in cui stavamo valutando di trasferirci all’estero per suonare. Questo desiderio di evadere e di inseguire il nostro sogno ci ha dato l’ispirazione per la storia del video, in cui è il bambino a rincorrere il suo sogno.

Avete già iniziato a scrivere alcune canzoni dell’album di debutto?

A dire il vero abbiamo già scritto e inciso l’intero album, stiamo iniziando a coordinarci per la pubblicazione. Siamo molto fieri del lavoro che abbiamo fatto in studio, l’album si intitolerà “Follow The Stars” e sarà un misto di pop acustico e rock moderno, non vediamo l’ora di farvelo ascoltare.

Rollingstone.it, Tom Odell, passi importanti per una carriera che sembra aver imboccato la rotta giusta?

Così sembrerebbe! In questi tre anni in cui abbiamo suonato insieme, ne abbiamo passate veramente di cotte e di crude. Il percorso che abbiamo fatto per arrivare fin qui non è stato facile, ma sembra che finalmente stiamo iniziando a raccogliere i frutti di tutto il nostro lavoro. Da questo momento starà a noi riuscire a ottimizzare ogni occasione!

Perché la scelta di cantare in inglese?

Siamo cresciuti con la musica straniera e tuttora ascoltiamo quasi solamente artisti internazionali, diciamo che da una parte ci piace di più musicalmente e dall’altra l’inglese permette di esprimersi e comunicare molto più liberamente. Senza contare che due di noi hanno la doppia cittadinanza Italo-Australiana, che sicuramente aiuta.

Internet, i social, Youtube, quanto influenzano la vostra vita, artistica e personale?

I social influenzano molto le nostre vite, la nostra generazione ormai è dipendente da internet e così siamo anche noi. La nostra situazione di band, in particolare, ci impone di essere sempre presenti sui social e di stare sempre al passo con tutto quello che accade. Questo non significa che sia un peso, perché ci piace essere sempre in contatto con tutte le persone che ci seguono e condividere con loro quello che facciamo, però è anche vero che di tanto in tanto ci prendiamo qualche ora per staccare da tutto e da tutti, spegnendo telefono e computer e dimenticandoci di tutto.

Da cosa traete ispirazione per il vostro look, avete delle icone che vi guidano?

In realtà non abbiamo icone o modelli da seguire per quanto riguarda il nostro look. Siamo tre ragazzi semplici e cerchiamo solamente di essere noi stessi, senza pretese.

Quali sono i prossimi passi?

Quest’estate abbiamo molti live importanti sui quali concentrarci, il 14 Luglio abbiamo aperto a Tom Odell durante il Pistoia Blues Festival e poi ci aspettano la partecipazione al Festival Show e al Deejay On Stage di Riccione. Finita la stagione estiva, pubblicheremo finalmente il nostro album di debutto “Follow The Stars”, il prodotto di tre anni di sacrifici e impegno. Quello che verrà dopo, sarà il pubblico a deciderlo.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here